Home > Oasi di Pace > Volontariato > Avventura e "mondo sotto-sopra"

Avventura e "mondo sotto-sopra"

by Tineke Vander Kooi

martedì 11 gennaio 2000

Tutte le versioni di questo articolo: [English] [italiano]

Fin da quando ero tredicenne volevo vivere per un certo perido all’ estero. Volevo fare qualche lavoro pratico e avere piú idee circa il mondo, circa le persone e me stessa. Molte di queste cose, oggigiorno, sono fattibili in questa zona e grazie ad una accurata ricerca, Israele mi é sembrata una buona decisione. In un piccolo spazio puoi trovare politica e storia. Riguardo le culture e il mondo religioso, Israele é un luogo perfetto. Ed é stato molto appagabile!

Attraverso alcune conoscenze, ho ricevuto alcune informazioni riguardo il villaggio dove persone Ebree e Palestinesi stavano vivendo e lavorando insieme. Questa mi é sembrata l’ultima opportunitá per andare a conoscere il conflitto Palestinese – Israeliano, delle diverse parti. Ho scritto una lettera e chiesto se eventualmente c’era un posto per me dal novembre del 1998 fino al giugno del 1999.

Il gruppo di volontari consiste in quattro o sei persone. A causa del piccolo numero é semplice avere dei contatti con le persone del villaggio. Ogni volontario é anche adottao da una famiglia. Ero davvero fortunata con loro: potevo andare nella loro casa, sentirmi a casa, bere un tea alla menta, avere interessanti discussioni, imparare nuovi giochi, e a volte mangiare con loro. Questo permette di conoscere le persone e i loro modi di vivere. Puó anche accadere, come a me, che durante il Ramadam, ti portino in un villaggio dove mi sono realmente abbuffata con straordinari piatti....

I volontari ricevono denaro per l’acquisto del cibo. Tutti hanno una stanza privata, e condividono la cucina. La vita non é lussuriosa, ma molto del tempo trascorso qui é divertente con fuochi durante la notte e molti linguaggi e nazionalitá attorno a te. Alcuni vips sono venuti a visitare il villaggio( durante la mia permanenza é venuta Hillary Clinton) e per tali occasioni sono state organizzate lezioni di arabo, danze del ventre e conversazioni. A volte la lentezza con cui le cose sono fatte sono davvero frustranti, ma si puó comunque tentare di vivere con esse. E comunque si puó apprezzare la lavatrice, la tv, luce e gas.

Molto del tempo é dedicato al lavoro per cinque giorni a settimana e otto ore lavorative al giorno. Gli altri giorni puoi trascorrerli dormendo, o andando a Tel Aviv o Gerusalemme. Talvolta il lavoro é interessante, come talvolta non lo é. I volontari come tutti i lavori poco retribuiti, eseguono semplici lavori. Lavare i bagni non é ricompensante, ma mi ha fatto vedere la vita da altri punti di vista. E anche perché ero molto motivata a iniziare a studiare. A differenza degli stupidi lavori, qui c’é libertá e nuovi amici provenienti da tutto il mondo. Hai cosí la possibilitá di conoscere il loro modo di vivere, la loro cultura e avere una idea della complessitá dei problemi che si vivono nel Medio Oriente.

Il mio modo di guardare la politica é definitivamente cambiata, attraverso la mia permanenza. Impressionata dall’Olocausto, cresciuta in una famiglia Cristiana con molte conoscenze, sono venuta a Nevé Shalom/Wahat as-Salam con una posizione un po’ a favore di Israele. Ció é cambiato radicalmente dopo il confronto con tutte le discriminazioni e ingiustizie che ho visto e sentito intorno a me. Sono ancora occupata a trovare un equilibrio fra tutte le storie delle persone con le loro veritá e le loro valide ragioni, e dove loro hanno diritto di avere ragione. Questo mi dimostra che non é solo un problema, ma un interminabile e confusionario gruppo di problemi, dove ogni soluzione comporta alle sue spalle un insieme di altri problemi: diventare speranzosi e disperati. Ma io ho ancora speranza e un ringraziamento speciale va alle persone intorno a me, di e intorno a NSWAS. Al contrario di tutti questi problemi qui, si prende il coraggio di sperare, di lavorare in pace e rispetto. Abdessalam mi ha detto in una intervista "Non si puó negare il conflitto, dovresti provare piuttosto a vivere con esso". E vedo che questo sta accadendo. Il Regno é giá venuto, ho visto molti litigi, e spettegolezzi, ma le persone osano confrontarsi guardandosi in faccia. É difficile ma le persone stanno costruendo isieme una solida base. I bambini stanno ancora giocando insieme. Sono orgogliosi delle loro radici, delle loro usanze, ma trovano anche familiare le altre culture e religioni. Imparano inoltre a pensare e a gestire non con paura ma con rispetto l’altro. Con ció il conflitto non é ancora risolto, ma le persone lo stanno gestendo con rispetto e dignitá dandogli il suo spazio.

É stato un intero anno appassionante, con la messa in discussione di molti valori. Vorrei ancora rifarlo. Ho avuto nostalgia e ho imparato a combatterla. Il mondo non é cosí semplice come si usa dire, ma c’é cosí tanto che mi sta aspettando tanto quanto io ho spettato. E le nuove idee, le nuove amicizie, e l’amore che ho trovato qui sono inestimabili.


Nella stessa rubrica


  • Verena’s journal: the month of Ramadan.

    Tuesday 28 June 2016 by Verena Massl

    Verena, an intern from Italy, tells about recent events in the village


  • Aggiornamenti da Verena: l’inizio di Ramadan

    domenica 19 giugno 2016 di Verena Massl

    cari amici e amiche, Verena, la vincitrice della prima edizione della borsa di studio ’Franca Ciccolo’, ci scrive da NSWAS, raccontandoci dell’inizio di Ramadan e di come la scuola elementare si (...)


  • Un nuovo racconto da Verena

    domenica 22 maggio 2016

    Nuovi aggiornamenti da Verena, la nostra stagista italiana al Villaggio, vincitrice della prima edizione della borsa di studio "Franca Ciccolo".


  • La nostra stagista Verena Massl scrive...

    martedì 5 aprile 2016 di Verena Massl

    Il racconto di Verena Massl, la vincitrice della prima edizione della borsa di studio “Franca Ciccolo”, sul suo primo mese di esperienza come stagista al Villaggio. La borsa di studio “Franca (...)


  • Noi, il cambiamento che vogliamo nel mondo.

    lunedì 25 ottobre 2004 di Sara Grassi

    23 Agosto 2004 - 22 Novembre 2004 Sono arrivata a NSWAS per casualitá, o forse per un insieme di coincidenze che mi hanno accompagnata per tutta la vita, e di cui non me ne sono accorta fino a (...)

0 | 5

facebook

PayPal

Versione per la stampa

print


Contatti

mail.gif, 1 kB


Monitorare l’attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | SPIP | Creative Commons License
All original content licensed under a Creative Commons Attribution 2.5 Israel License.